Cose sulla pelle…

Mi sono fatto scrivere cose sulle pelle che avevo paura di dimenticare.

Ché mica ci avevo pensato io che non c’è un posto più sicuro della pelle per appuntarsi i ricordi?

Mi sono fatto scrivere cose sulla pelle che solo provando a dirle mi si inceppava il pensiero.

Non è facile fare la pace con gli odori e le immagini e i ricordi (quelli belli e quelli brutti, intendo) e tutto il resto; fortuna che sulla pelle c’è spazio a sufficienza per chiedere scusa e non scordarselo mai.

Mi sono fatto scrivere cose sulla pelle, cose che mi ricordino di dimenticare.

Sta come torre ferma…

IMG 0331

E Virgilio s’indigna: «Come mai continui a distrarti e a rallentare? Che t’importa di questo mormorio di penitenti? Viemmi dietro, e lascia che dicano»; pesta il pedale: « Sta come torre ferma, che non crolla / già mai la cima per soffiar di venti»; e conclude nell’alone sonoro: «Chi infatti permette ai propri pensieri di germogliare l’uno sull’altro accavallandosi, si svia dalla meta (da sé dilunga il segno), perché la foga del pensiero successivo fiacca l’energia del precedente ». «Vengo» risponde subito Dante (poteva rispondere altro?), e si rimette in marcia, tinto di quel rossore che, alle volte – dice lui – concilia il perdono.

– Dante, Purgatorio, Canto V, vv. 10-21