…un mostro diabolico

una persona che è evaporata

Il portico è quello della filiale della Sumitomo Bank Company. Nel Memoriale del Museo della Pace di Hiroshima, quell’ombra sul gradino viene descritta come “una persona che è evaporata”. Nel 1996, quell’ombra è stata identificata come quella della signora Mitsuno Ochi (nata nel 1903) che all’epoca dell’esplosione aveva 42 anni e i cui discendenti sono tuttora viventi.
Hiroshima è la dimostrazione che l’essere umano può essere un mostro diabolico.

L’atroce dilemma…

C’è sul Corriere in edicola una intervista, a firma di Tommaso Labate, assai interessante a Ignazio La Russa. Il nostro racconta i dettagli della giornata trascorsa insieme a Giorgia Meloni a Villa Certosa, residenza estiva di Silvio Berlusconi in Sardegna. Vi ho appreso aneddoti assai gustosi. Pare, per dire, siano andati sulla macchinetta elettrica, che Berlusconi guida “stile Formula 1”; ancora: hanno visto la collezione di farfalle – Berlusconi “ha delle farfalle vive e delle farfalle imbalsamate”, dice La Russa estasiato – e hanno pranzato accanto al vulcano finto. A tavola la Meloni ha preso solo il salmone, ma poi Berlusconi l’ha invitata ad assaggiare anche la parmigiana, che – sostiene La Russa – “era molto buona”. Un racconto, ripeto, assai gustoso, fresco, scoppiattante; un racconto che, una volta letto, lascia nel lettore l’atroce dilemma: “in questi casi, scusate, si dice mecojoni o ‘sticazi?”.

Grazie Diego

La terra non si è spaccata in due e il cielo non è diventato nero e il mare non si è aperto e noi tutti siamo sopravvissuti, inutilmente. Eppure Diego Armando Maradona è morto, ma forse, penso, è morto solo l’uomo e le sue spoglie terrene. Quindi, farò quello che faranno tutte le persone come me e tutti i napoletani di questo mondo. Aspetteremo tre giorni, nel caso Diego Armando Maradona decida di risorgere. Se così non fosse, se dovesse continuare a essere morto, allora non sarà morto: avrà semplicemente deciso che era arrivato il momento di pronunciare il suo «arrivederci», la parola più bella di tutte, quella che serve dirsi per pensarci reciprocamente mentre siamo lontani, e per volerci ancora più bene quando ci rincontreremo. E perché l’unica certezza che ho sempre avuto e che sempre mi rimarrà è che Diego Armano Maradona non può morire. Per qualsiasi evenienza: grazie Diego, con tutto il cuore, per sempre.
  • Alessio Forgione, da Soltanto lui ci ha resi felici

È pretestuoso lo scopo e vergognoso il metodo…

OBJ108377753 1 jpg f=detail 558 h=720 w=1280 $p$f$h$w=caf2200

 

Spira un vento di stupida emulazione americana dietro l’imbrattamento della statua di Indro Montanelli: c’è sempre più gente in giro che non avendo un cazzo da fare se la prende con i monumenti scatarrando rabbia, insulti e vernice a effetto mediatico. Ecco, come si può giudicare questo sfregio alla memoria se non con il metro dell’imbecillità ottusa e violenta? Perché è pretestuoso lo scopo e vergognoso il metodo, che si commenta da solo: si può discutere, contestare e condannare un episodio che appartiene a una storia lontana, a una guerra coloniale con orrori e sopraffazioni comuni a ogni guerra, evitando di scatenare furiose invettive che sfociano in gesti di pura violenza e in scritte insensate e vigliacche.
Se qualcuno ha avuto l’idea di erigere in memoria del vecchio giornalista una statua nei giardini pubblici di Milano è perché Montanelli è stato un simbolo, il testimone di un secolo, un monumento lui stesso per il giornalismo e per la cultura liberale aperta al dissenso. Vista con i nostri occhi la storia della giovane abissina e del soldato che ne fa la sua sposa bambina per un’usanza vergognosa dell’esercito regio è una storia certamente sbagliata. Ma ci fa vergognare di più chi se la prende con un episodio di novant’anni fa da inserire nel contesto di un’epoca e di una guerra coloniale, quando ancora oggi in tante parti del mondo tante donne (minori e non), indifese e sole, sono vittime di soprusi inaccettabili, di usurpazioni e violenze tollerate da famiglie e da governi ciechi, che ignorano ogni umanità. Quella che Montanelli aveva, e i suoi vili calunniatori non hanno affatto.