Così penso…

Screenshot 2015 07 08 16 34 33

Quando qualcosa mi disturba, sarà per carattere, mi chiedo sempre se la causa del disturbo non sia, in qualche modo, da ricondursi a me, by-passato da stili e voghe che galoppano o da vie da tracciare più o meno rette. È rischioso e forse sbagliato, peraltro, imputare sempre e solo alla maturità, all’esperienza, alla formazione culturale, i sentimenti di rifiuto a certe affermazioni, di ostilità a certe squallide dichiarazioni propagandistiche. Magari ci sono situazioni che “oggettivamente”, com’era uso dire un tempo, ledono la dignità o la verità o la bellezza che cose e persone custodiscono, anche quando non se ne accorgono più o se ne sono dimenticate. Così penso, tutto sommato, che è meglio dire uno schietto ma vaffanculo!, rischiano il moralismo o, chennesò, d’essere tacciato per uno snob con la puzza al naso, piuttosto che tenersi dentro la tristezza.

{ 0 comments… add one }

Leave a Comment

Next post:

Previous post: